Mission

Mi capita spesso per lavoro o per piacere di percorrere le strade che da Vittorio Veneto si diramano verso la collina o la pianura del coneglianese. Se si evitano le ore di punta o si percorrono strade meno frequentate, ci si trova di fronte ad una vera meraviglia in cui la natura e l’uomo, lavorando in simbiosi ed in equilibrio hanno creato uno paesaggio straordinario e irrepetibile. 
Le due città più grandi poi sono dei veri e propri scrigni con tesori unici, opera del genio umano e della nostra cultura.
Purtroppo tale cornocupia artistica e paesaggistica è praticamente sconosciuta al grande lusso di visitatori che percorrono la vicina autostrada diretti a Venezia o più a sud. 
Questo progetto che prenderà il significativo nome di TESORI SVELATI vuole contribuire a colmare questa lacuna.
 Lo vuole fare mettendo insieme tutte le forze vive della zona, con un sistema integrato di servizi per dare al viaggiatore che sosta nella zona il massimo della ospitalità garantendo un giusto rapporto di qualità prezzo.
 Per questa iniziativa verrà chiesto al mondo del commercio, a quello dell’ospitalità, alle associazioni culturali, agli enti associazioni di creare un ambiente favorevole al visitatore per il massimo confort ed il minimo stress.
 Verranno confezionati dei “pacchetti” di visite in cui si mostreranno le eccellenze artistiche, culturali ed eno-gastronomiche.
 Si lavorerà insieme, facendo sistema per mostrare e far apprezzare all’ospite il meglio del nostro territorio.
 Inoltre, il progetto vuole contribuire nel suo campo ad aiutare giovani in cerca di occupazione, dando loro un possibile impiego che migliori l’economia e la conoscenza del territorio.
Il nome del progetto è TESORI SVELATI e si riferisce ai siti artistici, alle eccellenze artigianali ai paesaggi unici che sono però stati dimenticati o sottovalutati dagli abitanti del posto. 
Noi intendiamo sollevare questa coltre e mostrare al mondo la bellezza dei luoghi e la nobiltà dei suoi abitanti.


Taglio_nodo_gordiano_Carlo_magnoIl logo scelto è una stilizzazione del nodo gordiano tagliato dalla spada di Alessandro Magno (rappresentata dal nome stesso) che vuol significare come certe difficoltà apparentemente insormontabili possano essere superate da una taglio netto con il modo di fare precedente, semplicemente affrontandole da un altro punto di vista; un cambiamento repentino che semplifica la risoluzione del problema.

Elio Rocchetti